Esercitazioni

di diritto amministrativo

 

Programma del terzo incontro

 

 

 

 

Tema dell’esercitazione

 

Scelte amministrative, vincolo del fine e ponderazione degli interessi

 

 

 

Materiali

 

1) Cons. St., sez. VI, 5 giugno 2007, n. 2984

 

2) Cons. St., sez. VI, 3 agosto 2007, n. 4326

 

3) Sorace, Diritto delle amministrazioni pubbliche, cap. X, Attività discrezionali e attività vincolate

 

 

 

 

Scopo dell’esercitazione

 

Attraverso l’analisi di un caso nel quale il fine previsto dalla norma d’azione opera direttamente come limite del potere di scelta rimesso alla pubblica amministrazione (1) e di un caso in cui il potere di scelta viene limitato dalla necessità di una comparazione con l’interesse privato (2), l’esercitazione è rivolta ad approfondire i seguenti punti:

 

1) il potere discrezionale è la possibilità di stabilire in concreto assetti di interessi non predeterminati astrattamente dalla norma attributiva del potere

 

2) tale potere di scelta soggiace però al limite della finalità di interesse pubblico per la cura del quale il potere stesso è stato attribuito all’amministrazione

 

2-bis) il vincolo del fine è il frutto di un’interpretazione della norma attributiva del potere orientata al principio di legalità sostanziale

 

3) inoltre la natura stessa del potere discrezionale, quale potere di stabilire concreti assetti di interessi, impone come principio generale che l’amministrazione proceda ad una valutazione comparativa di tutti gli interessi in gioco

 

3-bis) la rilevanza degli interessi in gioco dipende non solo dalla loro importanza in astratto, ma anche dalla specifica situazione di fatto di volta in volta presa in considerazione